in viaggio nei luoghi di
Despar Sicilia
{{'2019-08-08 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd LLLL y'}}

La dolcezza del suo gusto la rende unica al mondo. Assaggiamo la cipolla di Giarratana

Regina di una lunga festa dedicata al buon cibo e al folclore. A Ferragosto a Giarratana si celebra la cipolla, protagonista di una sagra dai tanti sapori e profumi: quelli di questo speciale ortaggio, nella sua variante unica della cipolla di Giarratana appunto, cucinata in mille modi e servita nelle varianti più particolari. Il comune montano in provincia di Ragusa, definito la perla degli iblei, è noto in tutto il mondo per questa speciale varietà di cipolle, riconosciuta presidio Slow Food e inserita nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T) del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.

Dalla forma un poco schiacciata, con tunica di colore bianco brunastro, polpa bianca, più carnosa delle altre tipologie, la cipolla di Giarratana è caratterizzata da un gusto molto dolce e da un peso maggiore, che normalmente si attesta sui 500 gr, ma che a volte riesce a raggiungere persino i 2 kg.
A favorire la produzione di questo speciale ortaggio il clima collinare e la particolarità del terreno giarratanese in particolare, e di quello ibleo in generale, dove le vallate si combinano con la bianca roccia calcarea, determinando il suolo ideale per la sua coltivazione. Un lungo processo che inizia alla fine di ottobre, con la semina in semenzaio durante il plenilunio o con luna calante, prosegue tra febbraio e marzo con il trapianto sul terreno, e si conclude in estate quando alla fine di luglio si dà avvio alla raccolta che si prolungherà per tutto agosto. Dopo la raccolta, i bulbi vengono lasciati ad asciugare in campo per una settimana e solo in seguito si conservano in luoghi asciutti e ventilati, pronti per la vendita.

E se sono tantissime le proprietà benefiche, nutritive e persino curative della cipolla, altrettanto numerosi sono i suoi usi in cucina dove la cipolla di Giarratana si presta a numerose, e tutte buonissime, preparazioni culinarie, grazie al suo sapore così particolare che diventa ingrediente principale di piatti tipici siciliani apprezzati dai turisti in tutto il mondo, come ad esempio le scacce ragusane condite con pomodoro e cipolla, ma anche la cipolla ripiena, la cipolla gratinata o semplicemente cotta al forno. Vere squisitezze che potranno essere degustate nei vari stand allestiti in occasione della sagra di metà agosto, coincidente con la festa di San Bartolo, il patrono della città. Ma la festa sarà anche l’occasione per omaggiare altri prodotti tipici, come i formaggi, il vino, il torrone, il miele e tanto altro. Un tripudio di gusti e profumi irresistibili che conquisteranno le tantissime presenze attese. A fare da gradito contorno poi il mercatino dell’artigianato, gli spettacoli musicali in programma e il folcloristico concorso della cipolla più grossa che ogni anno appassiona produttori e spettatori.
Appuntamento dunque al 13 e 14 agosto a Giarratana, piccolo comune ibleo dalle ricchezze agricole preziose.

I tuoi punti vendita a Giarratana (RG):
• DESPAR - Via G. Pacini, 6/a
• DESPAR - C/so Umberto, 25
• DESPAR - C.so XX Settembre, 66

Potrebbero interessarti anche:

{{'2019-08-15 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd'}}
{{'2019-08-15 00:00:00' | dateToISO | date : 'LLLL y'}}

Sulla prua di un peschereccio, la Madonna di Portosalvo benedice i naviganti. A Marina di Ragusa il Ferragosto tra fede e folclore

A vederle da lontano sembrano coriandoli colorati su un’immensa distesa di acqua blu.

scopri di più
{{'2019-08-02 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd'}}
{{'2019-08-02 00:00:00' | dateToISO | date : 'LLLL y'}}

Un tuffo nelle acque dei Laghetti d’Avola. Dopo, in città, una granita di mandorla!

Lungo la via Elorin, uno dei più antichi percorsi greci della Sicilia, si estende la piana di Avola

scopri di più