in viaggio nei luoghi di
Despar Sicilia
{{'2019-06-14 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd LLLL y'}}

Tra tradizioni e sapori, a Troina gustiamo la “Vastedda cu sammucu”

Spessa, morbida e dalla crosta croccante e dorata. È la famosa “vastedda”, o focaccia, regina assoluta della Sagra della “Vastedda cu sammucu” o “Vastella ’nfigghiulata” di Troina, in provincia di Enna. L’edizione 2019, la ventitreesima, si terrà come di consueto in occasione della tradizionale festa del Santo Patrono San Silvestro, il 15 e il 16 giugno, e sarà ancora una volta un tripudio di sapori irresistibili per i tanti turisti che accorrono in quest’angolo di Sicilia, immerso nel Parco dei Nebrodi, per gustare uno dei piatti più caratteristici della cucina isolana.

“Vastella” o “guastella”, dal francese antico “gastel”, ma anche dal normanno “guastel” e “wastel”, è detta “’nfigghiulata” poiché farcita abbondantemente con tocchetti di salame locale e tuma. Una leccornia che risale, si pensa, al periodo medievale, quando veniva molto utilizzata la carne di maiale che ancora oggi è centrale nella preparazione della focaccia: ingredienti principali della vastedda, oltre al salame, sono infatti lo strutto e la pancetta che vanno a unirsi alla farina di grano duro e al lievito, tutto rigorosamente prodotto nelle zone limitrofe.
Ma a rendere unica la vastedda di Troina, simbolo ormai dell’identità cittadina, è “‘u sammucu”, cioè il sambuco, una pianta della famiglia delle caprifoliacee i cui bianchi fiori, molto profumati, sono utilizzati appunto per insaporire la focaccia e darle quel sapore inconfondibile che la rende tanto squisita e particolare, a tal punto che i paesi vicini non si cimentano neanche nella sua preparazione, riconoscendo il primato assoluto della cucina troinese nella sua elaborazione. Accanto alla vastedda, nei tanti stand espositivi presenti durante la kermesse, troneggiano anche gli “‘nfasciatieddi”, dolci da forno a base di vino cotto di fichidindia fasciati da un involucro di pasta di biscotto.
Accanto alle degustazioni, la festa prevede percorsi artistici, mostre, esposizioni, spettacoli itineranti e tanto altro, per omaggiare la tradizione culturale, il gusto e la storia di questo borgo antico, sulle pendici meridionali dei Monti Nebrodi. Per queste ragioni la manifestazione già dallo scorso anno è stata inserita tra gli eventi enogastronomici del progetto “Territori del vino e del gusto. In viaggio alla scoperta del Genius Loci”, promosso dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Importante presidio militare sotto i Greci, i Romani, i Bizantini e gli Arabi, Troina è stato borgo rinomato durante il periodo normanno quando il Conte Ruggero d’Altavilla lo scelse come roccaforte per conquistare la Sicilia. Ancora oggi tra le viuzze del paese si respira un’atmosfera araba che, mista al meraviglioso panorama che è possibile ammirare dalle sue scalette e stradine arroccate sulla montagna, rendono davvero incantevole questo gioiello siciliano.

Il tuo punto vendita a Troina (EN):
• Despar – Via Sollima, 37

Potrebbero interessarti anche:

{{'2019-07-18 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd'}}
{{'2019-07-18 00:00:00' | dateToISO | date : 'LLLL y'}}

L’Isola delle Femmine, tra leggende e natura, tuffiamoci nelle sue splendide acque

In un tempo indefinito, per punizione, tredici ragazze turche furono messe su una nave senza guida, lasciata in balia del mare e dei venti.

scopri di più
{{'2019-07-11 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd'}}
{{'2019-07-11 00:00:00' | dateToISO | date : 'LLLL y'}}

A Ferla passeggiamo tra la storia e la natura dell’antica Pantalica

La natura si “diverte” a prediligere alcune terre: le sceglie e le bacia di bellezza e fascino.

scopri di più