in viaggio nei luoghi di
Despar Sicilia
{{'2019-11-28 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd LLLL y'}}

‘U misi i santa Barbara”, a Paternò si celebra la santa che salvò il paese dalla peste e dalla lava

Nel 1576 la peste minacciava Paternò, paesino alle pendici dell’Etna in provincia di Catania, seminando ovunque morte e distruzione. Donna Luisa Moncada, Signora della cittadina, aveva fatto costruire due lazzaretti dove far curare i malati, ma l’epidemia continuava a espandersi velocemente. Una notte, a una suora benedettina che prestava servizio in uno dei due lebbrosari, apparve in sogno santa Barbara - il suo culto era stato introdotto in città nel XIII sec. La religiosa supplicò la santa di salvare il paese e da lei fu ascoltata. Gli abitanti, immensamente grati per il miracolo ricevuto, la acclamarono a gran voce come patrona della città. A lei dedicarono un grande tempio e solenni festeggiamenti che ancora oggi durano un mese intero, ‘u misi i santa Barbara, e rappresentano il momento più atteso e intenso della vita cittadina.

Santa Barbara fu particolarmente clemente con i paternesi anche in un’altra occasione: nel 1780 infatti un’eruzione vulcanica incombeva sul paese. Gli abitanti disperati e impauriti decisero di portare le reliquie della santa nei pressi di Ragalna, comune vicino, dove si verificò il miracolo: la lava si arrestò immediatamente. Da allora santa Barbara viene invocata anche durante i temporali e gli incendi.

“‘U misi i santa Barbara” inizia il 3 novembre con i fuochi d’artificio e la sfilata della banda cittadina, ma i momenti più intensi si vivono dal 2 al 5 dicembre e di nuovo il 7 dicembre, con due repliche speciali durante l’anno per il 27 maggio, dedicata proprio al miracolo della lava, e il 27 luglio per celebrare la traslazione delle reliquie della santa.

Il 2 dicembre le varette di legno scolpito che rappresentano le corporazioni cittadine girano tra i rioni della città per poi ricongiungersi in serata davanti alla chiesa di Santa Barbara. L’indomani, 3 dicembre, a dare il buongiorno sono le campane che suonano a festa e 21 colpi sparati dal Castello normanno, simbolo del paese, dal cui torrione si può ammirare lo spettacolare panorama su tutto Paternò.
I festeggiamenti iniziano con la svelata della santa, l’apertura della cameretta che custodisce il bellissimo simulacro, poi per tutto il giorno e fino a notte fonda la processione lungo le principali vie cittadine, mentre i giovani si dedicano alla “Cantata” e alla rappresentazione di un carro trionfale infiorato, tra inni e fuochi d’artificio.
Il 5 dicembre la processione continua per tutto il paese per poi concludersi in serata con il rientro delle reliquie in chiesa.
L’11 dicembre, a una settimana di distanza, un’altra processione accompagna il busto raffigurante la santa e lo scrigno con le sacre reliquie per le vie cittadine per poi fare ritorno in chiesa per l’ultimo saluto con il suggestivo atto di affidamento e la benedizione della città.

Quella di Santa Barbara è solo una delle tante chiese che meritano di essere viste, da non perdere la chiesa della Madonna dell’Itria e la chiesa di Santa Maria dell'Alto, tra le più antiche di Paternò, a cui si arriva percorrendo la suggestiva Scalinata della Matrice (in foto), un gioiello architettonico che regala una delle prospettive più apprezzate e immortalate della città.

I tuoi punti vendita a Paternò (CT):
• DESPAR – Via Milazzo, 5
• DESPAR – Via Virgillito, 10
• DESPAR – Via Balatelle, 63
• EUROSPAR – C.so Italia, 10

Potrebbero interessarti anche:

{{'2019-12-05 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd'}}
{{'2019-12-05 00:00:00' | dateToISO | date : 'LLLL y'}}

Il dipinto di Assoro, la città presepe dal carattere ardito

Viri fortes et fideles. Con queste parole Cicerone omaggia il coraggio degli assorini, gli abitanti di Assoro, piccolo comune in provincia di Enna.

scopri di più
{{'2019-11-21 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd'}}
{{'2019-11-21 00:00:00' | dateToISO | date : 'LLLL y'}}

Nelle cassatelle, il gusto dolce di Agira

Ti prende per la gola con la sua cassatella e ti conquista con il suo profilo pittoresco.

scopri di più