in viaggio nei luoghi di
Despar Sicilia
{{'2019-03-14 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd LLLL y'}}

La Dea di Morgantina: una Venere dalla sinuosa femminilità e dalla storia travagliata

Un piccolo comune nel cuore della Sicilia, dall’incommensurabile tesoro. Una storia travagliata accompagna la Dea di Morgantina che solo da qualche anno è tornata a casa, conservata nel Museo archeologico di Aidone, in provincia di Enna. Ha un’altezza imponente (2 metri e 20 centimetri) la Dea, che è tanto e di più: erotica con i suoi seni pieni, ammaliatrice con il suo sguardo così diretto, irresistibile con quell’”effetto bagnato” del peplo che sinuosamente le avvolge il corpo a mettere ulteriormente in risalto, quasi ce ne fosse bisogno, i lineamenti sensuali.

Un tripudio di forme femminili: così armoniose, così splendenti e accattivanti. Attribuita ad un artista vicino a Fidia nel V secolo a. C., originariamente si pensava raffigurasse Venere, mentre adesso c’è concordanza nel sostenere che si tratti di Demetra, dea della fertilità femminile e dei campi. Quasi perfettamente conservata (non è rifinita solo la parte posteriore della testa forse perché coperta da un copricapo), la statua presenta ancora tracce di rosso, blu e rosa, mentre il viso e le braccia sono di marmo bianco proveniente dall’isola di Paro, secondo la tecnica di lavorazione “pseudo-acrolitica” che abbina materiali di diversa consistenza.

La sua è una bellezza disarmante che nasconde una lunga storia alle spalle: trafugata nella seconda metà del Novecento dal sito di Morgantina, nei pressi di Aidone, e dopo una serie di passaggi di mano in mano, la statua è stata acquistata a un'asta londinese dal Paul Getty Museum di Malibu. Dopo un lungo contenzioso con l’Italia e la Regione Sicilia, la Dea di Morgantina è stata restituita al Museo di Aidone allocata in un’ala inaugurata il 17 maggio 2011: un gioiello che ritorna finalmente nella sua terra natia.

Il tuo punto vendita ad Aidone (EN):
• Despar - Corso Aldo Moro S.n.

Potrebbero interessarti anche:

{{'2019-08-15 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd'}}
{{'2019-08-15 00:00:00' | dateToISO | date : 'LLLL y'}}

Sulla prua di un peschereccio, la Madonna di Portosalvo benedice i naviganti. A Marina di Ragusa il Ferragosto tra fede e folclore

A vederle da lontano sembrano coriandoli colorati su un’immensa distesa di acqua blu.

scopri di più
{{'2019-08-08 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd'}}
{{'2019-08-08 00:00:00' | dateToISO | date : 'LLLL y'}}

La dolcezza del suo gusto la rende unica al mondo. Assaggiamo la cipolla di Giarratana

Regina di una lunga festa dedicata al buon cibo e al folclore

scopri di più